Sostituisci una cattiva abitudine con una buona

15 Marzo 2021 Amministrazione

Nessuno è perfetto. Tutti abbiamo alcune cattive abitudini, che siano mangiare troppo, fumare, guardare troppa televisione o rimandare i nostri compiti tutti all’ultimo momento.
Tutte abitudini, che a diversi livelli di gravità, vanno contro i nostri stessi interessi.

Ne siamo consapevoli. Eppure, tutti noi sappiamo quanto è complicato togliersi una cattiva abitudine.

I nostri vizi diventano uno stile di vita, ci sembra facciano parte di noi: tendiamo a ripetere le cose che ci fanno stare bene nell’immediato, anche se siamo perfettamente consapevoli che ci daranno dei danni a lungo andare.
Dietro a questo c’è innanzitutto una spiegazione scientifica: ad esempio bere alcol o magiare dolci rilasciano dopamina e ci fanno sentire bene. Quando il nostro cervello impara che una particolare azione ci fa stare bene, ci spinge a ripeterlo in futuro.
È nella  natura umana ricercare gratificazione immediata, ecco perché è così complicato smettere un vizio.

Le cattive abitudini poi si innescano a vicenda: ad esempio se si è un fumatore solitamente si fuma  di più quando si beve alcol. Se si è abituati a passare molte ore davanti alla tv, si tende anche a mangiare snack davanti al proprio telefilm preferito.

Come fare quindi?

Un primo passo intanto è quello di smettere di perdere tempo a giudicare noi stessi. Molto meglio impiegare lo stesso tempo per costruire nuove sane abitudini.

Dire a se stessi di smettere con quella cattiva abitudine e ripromettersi di fare meglio in futuro – da lunedì, con l’anno nuovo, da domani – è spesso infruttuoso. Si entra nel circolo vizioso dell’autocritica e della scarsa autostima. Ragionare sulle proprie mancanze infatti non è certo una attività divertente. Quando cerchiamo di toglierci un vizio, solitamente ci vengono in mente un sacco di motivi, o di giustificazioni per continuare ad agire nello stesso modo, magari “solo per stasera”.

Diventa quindi indispensabile cambiare il proprio focus.

Occorre smettere di concentrarsi sulle cose negative, e cominciare a concentrarsi sulla creazione di nuove buone abitudini che ci diano lo stesso senso di comfort, senza però danneggiarci fisicamente, culturalmente o psicologicamente.

Se ci convinciamo del fatto che queste nuove abitudini ci faranno stare bene, saremo motivati a metterci all’opera. Questo è molto molto più semplice che interrompere una cattiva abitudine.

A questo punto, una volta iniziata una nuova, sana abitudine, che contemporaneamente ci dà gratificazione, saremo in grado di:
1) avere una prospettiva distaccata sui vizi che ci attanagliano (“Perché bevo tanto? Quando ho iniziato a bere così tanto?”)
2) renderci conto che la nuova abitudine ci dà gratificazione quanto il vizio che vogliamo smettere.

Se impariamo a leggere invece che guardare troppa televisione, vedremo che i libri ci danno la stessa anzi maggiore soddisfazione che un telefilm.
Se introduciamo l’abitudine alla corsa, sentiremo molto meno l’esigenza di fumare o bere, sarà il nostro stesso fisico a guidarci su questa strada.

Ricordatevi: più spesso ripetete un’azione – buona o cattiva che sia – più facilmente si consoliderà in voi. E una buona abitudine scaccia – in modo naturale – una  cattiva.

Una volta che avrete imparato l’arte di passare da un vizio a una buona abitudine, sarà sempre più semplice costruire la vita che vorrete.

, , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

DAVIDE MALAGUTI

Imprenditore | Coach | Autore

    © 2020 DAVIDE MALAGUTI, TUTTI I DIRITTI RISERVATI

    Design by Alternative Group

    Privacy PolicyCookie Policy

    contact-section